Homepage - Accesskey: alt+h invio
Editore: Bottega editoriale Srl
Società di prodotti editoriali, comunicazione e giornalismo.
Iscrizione al Roc n. 21969.
Registrazione presso il Tribunale di Cosenza
n. 817 del 22/11/2007.
Issn 2035-7370.

Privacy Policy

Direttore responsabile: Fulvio Mazza
A. XIV, n.155, agosto 2020
Sei in: Articolo




Dibattiti ed eventi (a cura di Giulia De Concilio)

Diario di bordo. Appello:
Benni…“bidonaro”,
Hack… presente!
Sepúlveda… assente

di I “Bottegai”
I “Bottegai” in diretta per voi dalla Fiera: per farvi assaporare,
benché solo virtualmente, le specialità à la carte di “Più libri più liberi”


Eccoci, carichi di entusiasmo, al nostro secondo giorno di fiera a Roma. I corridoi, che attraversano i diversi stand, sono sempre più gremiti di gente. Affollatissimo è il nostro spazio espositivo, punto di riferimento anche per corsisti e stagisti “Bottegai” che da qui si riversano nelle varie sale, teatro degli eventi in calendario. Vi riportiamo la cronaca della nostra lunga giornata.

 

Pronti, partenza, via!

Nadia (nel senso di Zuddas) torna entusiasta dall’incontro Traslocatori di parole, durante il quale la traduttrice Simona Cives racconta l’iniziativa delle Biblioteche di Roma di fondare la “Casa delle traduzioni”, luogo di lavoro, incontro e ricerca dedicato all’attività dei traduttori italiani.

Ore 11:00. Al Caffè letterario è atteso il reading di Stefano Benni e David Riondino. Lo scrittore Benni, per motivi di salute, non è presente, e così la lettura del racconto Pronto soccorso e Beauty case viene affidata alla sola voce dell’attore Riondino. Il testo, già presente nella raccolta di Benni Il bar in fondo al mare, è presentato nella nuova edizione curata da Orecchio acerbo editore, il quale ha integrato il volume con alcune tavole grafiche a colori, rendendolo così adatto anche ad un pubblico più giovane.

Pasquale (al secolo: Romano) si allontana per assistere alla presentazione del libro Roma Noir 2010 a cura di Elisabetta Mondello per la Robin edizioni. Tutto il dibattito si focalizza sul destino del genere noir: i relatori si chiedono se questo debba sviluppare nuove forme di sperimentazione e sostituirsi, quindi, al ruolo tradizionalmente ricoperto dal grande giornalismo d’inchiesta.

Ore 12:00. Tutti in prima fila alla presentazione del libro Concerto a Berlino di Francesca Viscone, targato Città del sole edizioni. Intervengono l’autrice, il “nostro” Fulvio (Mazza… ovviamente!) e Adele Cambria, personalità di spicco del giornalismo e leader del Movimento di liberazione della donna. I relatori percorrono i luoghi, fisici e dell’anima, di Berlino raccontati da Viscone, insegnante per professione e «giornalista e scrittrice per passione».

Il romanzo, in parte dettato da elementi autobiografici dovuti alle radici calabro-germaniche dell’autrice, è corredato da puntuali riferimenti storici sulla storia europea degli ultimi 70 anni. Ripercorre la storia di amore e passione di Piera e Christian, e delle loro instancabili fughe da un luogo all’altro d’Europa, senza mai trovare stabilità nella perenne «erranza». La presentazione si conclude con le suggestive riflessioni di Viscone: «la letteratura deve sollevare dubbi e domande nell’animo del lettore, per fornire stimoli e non risposte definitive». Un vivo «romanzo storico», secondo Fulvio Mazza; una struggente «sinfonia letteraria», secondo Adele Cambria.

Finalmente arriva l’agognata pausa pranzo. Ci avviamo, accuratamente gestiti e “messi in fila” da Vincenzo (Femia), nell’affollatissimo bar-ristoro del piano terra. Abbiamo bisogno di tanta energia per affrontare il lungo pomeriggio!

 

Por la tarde

Quale delusione scoprire da un pallido manifesto affisso in corridoio che la tanto attesa conferenza di Luis Sepúlveda è stata annullata a causa dello sciopero dei controllori di volo in Spagna! Avevamo, infatti, già organizzato una “spedizione” che riportasse ogni dettaglio del suo intervento su Sogni e sognatori, promosso dall’Istituto italo-latino americano e coordinato da Gianni Minà.

Ore 15:00 in punto. Francesco, Gianmarco e Marika (i cognomi? Rolli, Tonetti e Balzano!) “volano” al secondo piano per ascoltare Margherita Hack parlare di ebook e divulgazione scientifica. Giampiero Mangano apre la discussione sottolineando come, per la divulgazione scientifica, l’ebook possa assumere la struttura di “libro partecipato”. Attraverso i link, infatti, esso consente una varietà di approfondimenti che costituiscono il sale della ricerca scientifica. Oltre a ricordare i vari progetti di iniziativa europea e americana in ambito astrofisico, la Hack esprime un cauto ottimismo sull’utilizzo di Internet nel campo della scienza. Fedele al supporto cartaceo, non disdegna il grande vantaggio offerto dal web all’inizio di una ricerca bibliografica.

 

Sull’attenti!

Tutti convocati dal boss (sempre Fulvio, of course) per una lezione estemporanea di redazione e iconografia di un saggio scientifico. Oggetto del dibattito sono i documenti inviati da Cecilia (la vera “capa” di “Bottega”, la grande Rutigliano) relativi alle modalità e agli steps da seguire per realizzare un testo impaginato, a partire dal file Word.

 

Crediamo sia proprio ora di staccare la spina e la scrivente Petronilla (Bonavita, lo sapete già dall’articolo di ieri) vi da appuntamento a domani. Speriamo di ritrovarvi tutti presenti e pronti a leggere le nostre novità!

 

I Bottegai

(www.bottegascriptamanent.it, anno IV, n. 40, dicembre 2010)

 

P.S.: stiamo pubblicando l’articolo in diretta dalla pizzeria, a soli pochi passi dal Palazzo dei Congressi, e improvvisamente Franco (per la cronaca Arcidiaco) l’editore di Città del sole urla: «evviva… ». E voi chiederete «chi??? Margherita Hack? Wu Ming 2? Luis Sepúlveda?». No «Quagliarella»!

Progetto grafico a cura di: Fulvio Mazza ed Emanuela Catania. Realizzazione: FN2000 Soft per conto di DAMA IT