Homepage - Accesskey: alt+h invio
Editore: Bottega editoriale Srl
Società di prodotti editoriali, comunicazione e giornalismo.
Iscrizione al Roc n. 21969.
Registrazione presso il Tribunale di Cosenza
n. 817 del 22/11/2007.
Issn 2035-7370.

Privacy Policy

Direttore responsabile: Fulvio Mazza
Anno XII, n.130, luglio 2018
Sei in: Articolo




Editoria varia (a cura di La Redazione) . Anno XII, n.130, luglio 2018

Il confine
tra la felicità
e la deriva

di Monica Baldini
Claudio Pagliara
scosta il velo di Maya
per Uno editori


Quando mi è arrivata quella email ero in piedi, con le mani indaffarate al banco di un tabacchi per chiedere delle fotocopie, eppure lo sguardo non è riuscito a tralasciare l’oggetto della missiva che parlava di un libro scientifico sull’amore, L’amore è la medicina più potente (Uno editori, pp. 254, € 12,90) di Claudio Pagliara.
Non resistetti e dal tragitto fino la scuola dove avrei dovuto riconsegnare la documentazione non feci che pensare a quel libro. In piedi sulla canna della bici posteggiata al lato del muro per non intralciare i ragazzi in ricreazione mi misi a scorgere la breve anticipazione e sentii salire una piena soddisfazione, un senso di riscontro ai miei pensieri, una conferma, la voglia di acquistare il libro e leggerlo tutto d’un fiato come quando sopraggiungono belle sorprese e ne sei piacevolmente attirata assecondandone tutto il divenire. Dovevo averlo tra le mie mani quanto prima.

Quando un libro rivela sconvolgenti verità
È un libro veloce ma fatto di profonde rivelazioni che possono cambiare la personale forma mentis e allargare a nuove proiezioni. Ricorrono spesso frasi di celebri fisici, scrittori, psicoanalisti fino a risalire al medico per eccellenza Ippocrate. Tutti spot in una letteratura medica di facile fruizione che consente anche al lettore non parte degli addetti al mestiere di comprendere quale sia il senso che si vuole veicolare.
Il fulcro è la denotazione provata che l’essere umano non è consapevole della grandezza del proprio essere e cadendo per le difficoltà della vita non ha più la forza per rialzarsi. L’essere umano possiede al suo interno una forza maggiore di quella che si trova nell’atomo e ha potenzialità immense che non sfrutta per la presunzione di pensare di sapere.
Ricordate la celebre formula di Einstein nel 1905 per cui l’energia è uguale al prodotto della velocità della luce al quadrato per la massa? Evidenzia come l’energia si trasformi in materia e viceversa. Questa teoria rompe con tutta la cultura scientifica che sosteneva fino ad allora che materia ed energia fossero due realtà distinte quando invero sono due facce della stessa medaglia. Dunque l’uomo non è costituito di sola corporeità e questa non è dimensione a sé stante rispetto alla sua emotività: i pensieri negativi diventano materia negativa, veleni e tossine di inquinamento per il nostro corpo, mentre quelli positivi apportano una vera medicina guaritrice.
Claudio Pagliara lo spiega semplicemente e chiaramente: «I pensieri diventano emozioni, stati d’animo e quindi attraverso l’ipotalamo-ipofisi, il sistema neuro-endocrino e il sistema nervoso neurovegetativo divengono messaggi biochimici, ormoni, messaggi elettrochimici e onde elettromagnetiche che accendono e spengono alcuni geni del Dna di gruppi cellulari di organi e apparati diversi in relazione ai tipi di pensiero. La naturale conseguenza è che i pensieri diversi determinano un funzionamento diverso delle cellule, degli organi, del corpo, della tua salute o malattia. Attraverso i nuovi sistemi di imaging sappiamo che i pensieri modificano l’anatomia del nostro cervello, il nostro corpo e perfino il nostro ambiente».
La dimensione spirituale ha un ruolo fondamentale nella nascita ed evoluzione delle malattie e non si tratta di un ambito di esclusiva competenza religiosa.
L’invisibile è molto più importante del visibile e quando ti allontani da te stesso/a entra in atto un meccanismo di difesa della tua anima che ridurrà la tua energia vitale, l’amore e l’autostima verso te stesso/a. La tua mission e la tua vision sono fondamentali per evolvere poiché quando hai chiarezza su questi obiettivi riesci a dare un senso alla tua vita e ogni cosa acquista il giusto valore. Al contrario, un errore a livello di identificazione può compromettere la realizzazione dei tuoi obiettivi di salute e di successo per tutta la vita. Le nostre convinzioni creano la nostra realtà, ci fanno credere di essere impotenti e diventiamo impotenti. Solo l’amore incondizionato potrà salvarci.

«Nasciamo principi e la civiltà ci trasforma in rospi»
Un altro importante punto del libro è quello dedicato all’effetto placebo e nocebo. Se crediamo che l’iniezione funzionerà anche se in realtà si tratta di un finto farmaco questa produrrà un beneficio curativo effettivo. L’effetto placebo è causato dal rilascio di sostanze terapeutiche da parte dell’organismo che favoriscono i normali processi di auto-guarigione. I pensieri modificano la biologia delle tue cellule.
In bene come in male i nostri pensieri ci conducono sulla via della salvezza o della deriva e su questo pesano le parole del medico, le nostre convinzioni, la nostra forza di volontà di guarirci.
Già il filosofo greco Epitteto sosteneva che non sono gli eventi che ci accadono che determinano le nostre emozioni ma sono le interpretazioni di questi eventi che li determinano. Ippocrate lasciò scritto: «Prima di cercare la guarigione di qualcuno, chiedigli se è disposto a rinunciare alle cose che lo hanno fatto ammalare» e così Pagliara afferma che la medicina olistica, la medicina cioè di cui si fa portavoce perché contempla l’essere umano a 360° considerandolo come un soggetto in cui ogni cellula sana/ammalata è parte del contesto in cui si trova, ha dei processi consci e inconsci che incidono sulla nascita e sull’evoluzione delle malattie. Per questo motivo gli ambienti di vita e di lavoro possono ostacolare o favorire un percorso di ben-essere o mal-essere: «Rimuovi le cause e rimuoverai gli effetti o, comunque, renderai molto più agevole un percorso di guarigione».

Alimentazione e industria alimentare
«Le persone sono alimentate dall’industria alimentare, che non presta attenzione alla salute, e sono curate dall’industria della salute che non presta attenzione all’alimentazione» così l’intellettuale Wendell Berry sintetizza un concetto espresso in maniera dettagliata da Pagliara.
Un libro di grande interesse sia per quanti siano già conoscitori di fisica quantistica e abbiano sentito parlare di medicina olistica, sia per quanti vogliano aumentare il loro sapere e capire meglio come siamo fatti. In particolare ci aiuta a capire cosa possiamo ottenere dal lavoro su noi stessi senza opporre resistenze limitanti a nuove concezioni non diffuse dalle case farmaceutiche e dai medici per motivi di lucro, come spiegato abbondantemente da Pagliara. A tal proposito il grande studioso Claude Bernard diceva: «È quello che conosciamo che rappresenta il maggiore ostacolo ad apprendere nuove cose».

Monica Baldini

(bottegascriptamanent, anno XII, n. 127, aprile 2018)

Progetto grafico a cura di: Fulvio Mazza ed Emanuela Catania. Realizzazione: FN2000 Soft per conto di DAMA IT