Homepage - Accesskey: alt+h invio
Editore: Bottega editoriale Srl
Società di prodotti editoriali, comunicazione e giornalismo.
Iscrizione al Roc n. 21969.
Registrazione presso il Tribunale di Cosenza
n. 817 del 22/11/2007.
Issn 2035-7370.
Cookie Policy.
Direttore responsabile: Fulvio Mazza
A. XI, n 119, agosto 2017
Sei in: Articolo




Editoria varia (a cura di La Redazione) . A. XI, n 119, agosto 2017

Zoom immagine Niente gelato
se hai un libro
per tutti i gusti!

di Gilda Pucci
Talos Edizioni ci propone
un romanzo avvincente
da leggere sotto l’ombrellone


Calliope – una ragazza comune, di altezza media, corporatura normale, capelli neri con frangia, occhi azzurri e profondi – ha un sogno nel cassetto: scrivere un libro.
Vicina al destino di tante ragazze innamorate di tutto ciò che ha a che fare con il mondo del libro e delle riviste, anche lei sceglie la Facoltà di Lettere e studia Editoria, riuscendo a ottenere il tanto ambito posto nella biblioteca della sua città, ma non sa ancora trovare un tema adatto alla storia che vorrebbe pubblicare.
Proprio in biblioteca la nostra protagonista incontra Charles, un giovane timido che in un primo momento, ritenendo di aver sbagliato approccio con lei, corre via imbarazzato lasciandola senza parole e in preda a mille domande. Il ragazzo, però, tornerà più volte sul “luogo del delitto” ed è chiaro che tra i due ci sia una maliziosa intesa, una volta infranto un certo scetticismo iniziale. Ogni volta che i protagonisti hanno questi piccoli momenti di confronto culturale, per lui è come vivere un sogno in cui si sente estasiato e stimolato, mentre lei, se da un lato pare essere quasi intimorita dalle intenzioni di Charles e da questo gioco del suggerirgli le letture, dall’altro si sente felice e scossa, una donna viva.
Dunque «Galeotto fu il libro», direbbe qualcuno. I due si innamorano e, tra peripezie varie, la nostra Calliope probabilmente troverà anche l’argomento per stilare il racconto dei suoi sogni.
È così che prende piede e incalza la bellissima storia d’amore narrata inBruchium. Riflessi di sabbia (Talos Edizioni, pp. 128, € 12,00), il romanzo che vi proponiamo questo mese, scritto da Selene Miriam Corapi, laureata in Scienze dell’antichità a Cosenza. Collaboratrice di Bottega editoriale, di Rubbettino Editore, oltre che di molte testate giornalistiche, attualmente scrive per il blog letterario Leggere col sorriso.

Un romanzo a tutto tondo
Un libro di innocente passione, ma anche di viaggi, misteri da scoprire, codici da decifrare; un racconto romantico e curioso, carico di fascino, paradossalmente intriso di momenti intensi e leggeri (della serie non ci facciamo mancare nulla), da sfogliare tranquillamente al mare sotto l’ombrellone e destinato a tutte le fasce d’età.
Un testo ricco di sorprese e colpi di scena: alla storia d’amore si intrecciano la suspense e la scoperta del genere d’avventura, rivelazioni tipiche di un libro “giallo”. Un romanzo a tutto tondo, in cui il tempo della storia e il tempo del racconto si accarezzano, si avvinghiano, si distaccano e poi si riuniscono. Il lessico è chiaro, semplice. La trama è ben costruita e la narrazione è scorrevole.
Tutto ha inizio quando i due protagonisti si incontrano a Park Avenue; lì Charles rivela che in passato faceva parte di un’organizzazione privata segreta con il nome in codice di “Cuspide Scarlatta” che si occupa di ritrovamenti di antichi manoscritti, della loro traduzione, del loro studio e delle ricerche a essi correlate. Confida alla ragazza di essere stato espulso da tale organizzazione e di averla scelta come sua collaboratrice e aiutante nel decifrare un antico manoscritto da lui trafugato al momento del suo licenziamento. Quest’atto è noto all’organizzazione, motivo per cui Charles è costretto a una sorta di “latitanza” e tradurre e pubblicare il codice sarebbe l’unico modo per tenergli salva la vita. Nonostante Calliope sia combattuta, sente che può fidarsi di lui; chiede di vedere il manoscritto, in cuor suo ha già deciso di aiutarlo e con Charles arriverà a spingersi fino al cuore dell’Egitto.
Una storia nella storia che già da queste poche battute suggerisce la bravura, la scaltrezza dell’autrice e la valida struttura narrativa costruita e adoperata.
Bella pure tutta la sezione “archeologica”, probabilmente frutto degli studi accademici della dott.ssa Corapi: sembra quasi di essere catapultati nei luoghi descritti e proiettati in scenari ed epoche lontane. Insomma, un testo veramente meritevole, che si consiglia vivamente di leggere, anche qualora si volesse smentire questa recensione. Ma attenti, è veramente difficile: si tratta infatti di una lettura piacevole da regalarvi e regalare ai vostri figli, ad amici e parenti. Non vi resta che imbattervi nei due protagonisti.

Gilda Pucci

(www.bottegascriptamanent.it, anno XI, n. 119, agosto 2017)

Collaboratori di redazione:
Teresa Elia, Ilenia Marrapodi, Antonella Napoli, Giusy Patera
Progetto grafico a cura di: Fulvio Mazza ed Emanuela Catania. Realizzazione: FN2000 Soft per conto di DAMA IT