Homepage - Accesskey: alt+h invio
Editore: Bottega editoriale Srl
Società di prodotti editoriali, comunicazione e giornalismo.
Iscrizione al Roc n. 21969.
Registrazione presso il Tribunale di Cosenza
n. 817 del 22/11/2007.
Issn 2035-7370.

Privacy Policy

Direttore responsabile: Fulvio Mazza
A. XIV, n.155, agosto 2020
Sei in: Articolo




Dibattiti ed eventi (a cura di Giulia De Concilio)

Finisce la Fiera del libro
con un travolgente ballo
che ha il dolce sapore
di un bell’“arrivederci”

di I “Bottegai”
Presentato, tra gli altri, il libro di Anna Mallamo, edito da Città del sole,
sul Tango. Un libro che Concita De Gregorio, definisce «folgorante»


Siamo purtroppo giunti al nostro ultimo appuntamento. Rispetto alle edizioni passate, quest’anno la fiera è stata prolungata di un giorno, sfruttando così la festa dell’8 dicembre, che promette una forte affluenza di pubblico. Infatti, sin dalle prime battute, l’aria è carica dell’energia di nuovi visitatori che invadono i corridoi del Palazzo dei Congressi; tra loro si muovono anche i giovani “Bottegai”, pronti ad accorrere agli eventi più interessanti, nonostante la fatica accumulata in questi giorni! Al via la manche finale!

 

Gli appuntamenti della giornata

Il primo appuntamento della giornata è la presentazione della nuova collana di libri per genitori Cento e un bambino, a cura della casa editrice Astrolabio. Gianmarco è in prima fila ad ascoltare, forse mosso da un improvviso “istinto paterno”. La coordinatrice dell’incontro, Federica Fantozzi, illustra i dodici volumi che compongono la nuova collana, incentrati sul mestiere del genitore dalla gravidanza all’adolescenza dei figli, sotto l’aspetto psicologico. Emanuela Quagliata, psicoanalista e psicoterapeuta dell’età evolutiva, nonché curatrice della collana, spiega come l’idea nasca da esperienze di lavoro personale e dalla necessità di trattare temi e problemi non sempre discussi approfonditamente da manuali e testi di questo genere.

Più legato a una vena anticonformista è l’incontro seguito da Francesco, dove viene presentato il libro di Flaminia Festuccia Do Re Mi Fa Sol Tabù. La censura musicale in Italia dal Dopoguerra a Morgan. L’autrice ripercorre la storia della censura sui testi musicali in Italia e indaga i rapporti tra Radio Rai, Radio vaticana, Cia e Rca. Ci svela, ad esempio, come la canzone Papaveri e papere venne vista, al suo debutto, come un diretto attacco alla Dc; che il testo di Mafà Mafalda subì una censura perché in dialetto piemontese la parola “falda” significa “fondoschiena”. L’autrice del testo precisa però che oggi la censura non ha più la stessa forza di un tempo anche per via della libera circolazione dei contenuti nel web.

Il resto dei “Bottegai”, nel frattempo, affolla la sala Turchese per la presentazione del libro Lezioni di Tango, di Anna Mallamo, giornalista della Gazzetta del Sud e de l’Unità, conosciuta per il suo divertente blog Mangino Brioches. Il testo, edito da Città del sole, è stato presentato da Fiamma Lolli, traduttrice e critico letterario, artefice inconsapevole dello slogan: «Se Lezioni di Tango è un libro sul tango, Moby Dick è un libro sulla pesca» subito colto dall’editore Franco Arcidiaco che lo ha utilizzato per la promozione del libro. Lolli, con un intervento pieno di battute e doppi sensi che diverte il pubblico presente, spiega come il testo della Mallamo si muova sul confine tra passione e ossessione, piacere e godimento, facendo confluire i racconti di cui è composto nella vera essenza del tango. L’autrice, tanguera da diverso tempo, vede nella pratica amatoriale di questo ballo la sua vera essenza perché, quando si è lontani dalla professionalità, lo si può vivere con più passione.

Poco più tardi, presso lo stand di Bottega editoriale, Vincenzo, guidato da Fulvio, annota le parole di Concita De Gregorio, direttrice de l’Unità, la quale sintetizza così il libro della collega: «Folgorante. Perché produce in parole quello che altri non sanno esprimere». Sventola la bandiera a scacchi Dopo un veloce pranzo si riaprono gli incontri. Il primo, seguito da Annalisa, Maria Grazia e Marika, è all’insegna della musica dedicato a Giorgio Gaber. La performance di Lorenzo Gasperoni e Lorenzo Marcolini (rispettivamente alla voce e alla chitarra) comincia con la Libertà e Lo shampoo, brani che racchiudono in sé due dei lati della personalità del Signor G, quello impegnato e quello più leggero. Il tutto è accompagnato da un live painting di Sergio Gerasi che dedica, a ogni canzone, un’immagine sulla tela, fino a poi ricomporre in conclusione il volto di Gaber. Lo spettacolo è finalizzato alla presentazione della graphic-novel G&G scritta da Davide Barzi e illustrata da Gerasi, edita da Renoir comics.

Il secondo appuntamento, al quale di nuovo le nostre instancabili inviate si precipitano, si intitola I libri tattili illustrati sono libri per tutti, un progetto della Federazione nazionale delle istituzioni pro ciechi in collaborazione con le Biblioteche di Roma. Si è messo in risalto come i libri tattili abbiano una doppia funzione, educativa e artistica, e meriterebbero quindi un adeguato sostegno finanziario che invece è carente. Concludiamo l’articolo, nonché la giornata, con le parole di Franco Arcidiaco, direttore di Città del sole edizioni, che ci rilascia le sue impressioni mentre gli spazi della fiera diventano via via sempre più affollati a ridosso della chiusura. L’editore manifesta innanzitutto la sua più grande soddisfazione per la visita di Concita De Gregorio avvenuta in mattinata presso il proprio stand. Sottolinea poi la sua gioia per due titoli andati letteralmente a ruba: il citato Lezioni di Tango di Anna Mallamo e Si era alzato il vento di Marcello Loprencipe, entrambi autori che si muovono molto nella rete. In particolare Loprencipe, grazie ad aNobii, un social-network popolato da amanti della lettura, ha saputo promuovere in maniera egregia il suo testo saldando così il connubio letteratura e web, che è stato uno dei punti principali di questa edizione della fiera.

 

Arrivederci al prossimo anno!

Ci facciamo una foto dinanzi allo stand di Falzea, un’altra dinanzi a quello della Rubbettino e una terza dinanzi a quella di Infinito. Perché? In quanto recensiamo sempre i loro libri sulle nostre riviste e vederli di persona non è cosa che accade tutti i giorni. Salutiamo la fiera, che lascia dentro di noi un’esperienza che non dimenticheremo mai. E per farlo riutilizzeremo eccezionalmente i loro rispettivi cognomi: Alessia (Rocco), Angela (Galloro), Annalisa (Scifo), Francesco (Rolli), Gianmarco (Tonetti), Maria Grazia (Franzé), Marika (Balzano), Nadia (Zuddas), Pasquale (Romano), Patrizio (D’Amico), Petronilla (Bonavita) e Vincenzo (Femia), insieme ai grandi “capi” Fulvio (Mazza) e Luciana (Rossi) vi danno appuntamento al prossimo anno!

 

I “Bottegai”

(www.bottegascriptamanent.it, anno IV, n. 40, dicembre 2010)

Progetto grafico a cura di: Fulvio Mazza ed Emanuela Catania. Realizzazione: FN2000 Soft per conto di DAMA IT